10 principali fonti di vitamina B complex

Complesso di vitamina B

Non vi sono indicazioni specifiche per la combinazione di vitamine del complesso B in quanto tale. Ogni vitamina B ha le sue indicazioni terapeutiche e può essere utilizzata indipendentemente dalle altre. Tuttavia, esiste un’eccezione per le vitamine B6, B9 e B12 che contribuiscono agli stessi effetti.

10 principali fonti di vitamina B complex

Descrizione del complesso della vitamina B

La vitamina del complesso B si riferisce a tutte le 8 vitamine del gruppo B, che comprende anche la vitamina B1 (tiamina), vitamina B2 (riboflavina), vitamina B3 (niacina), vitamina B5 (acido pantotenico), vitamina B6 (piridossina), vitamina B8, biotina, vitamina B9 (acido folico o folato) e di vitamina B12 cobalamina o cianocobalamina.

Formule chimiche a volte molto diverse

Tutte queste vitamine sono idrosolubili e necessarie per il corretto funzionamento del corpo vedere la tabella sottostante.

Metabolismo dei carboidrati, produzione di energia, funzione del sistema nervoso. Produzione di energia, carboidrati, metabolismo delle proteine e dei lipidi, visione, salute della pelle e delle mucose, attivazione delle vitamine B6 e B9. Sintesi di ormoni sessuali, metabolismo di carboidrati, proteine e lipidi, produzione di globuli rossi.

Sintesi di ormoni e neurotrasmettitori, trasmissione nervosa

Produzione di globuli rossi, divisione di cellule, produzione di energia, metabolismo. Sintesi di proteine, ormoni e neurotrasmettitori, produzione di globuli rossi e trasporto di ossigeno, funzionamento del sistema immunitario.

Sintesi di ormoni e neurotrasmettitori, trasmissione nervosa

Sintesi del DNA, regolazione del glucosio, sintesi della vitamina B3. Carboidrati, metabolismo lipidico e proteico, divisione cellulare. Divisione cellulare, sintesi di DNA e RNA, metabolismo delle proteine, regolazione dei livelli di omocisteina nel sangue (con B6 e B12), funzione del sistema nervoso e del sistema immunitario, cicatrizzazione della ferita.

Funzione del sistema nervoso, sintesi di DNA e RNA, produzione di globuli rossi e trasporto di ossigeno, sintesi di S-adenosilmetionina con B6 e B9.

Ad eccezione della vitamina B3 che è prodotta in piccole quantità

Dall’organismo e dalla vitamina B12

Che viene immagazzinata in alcuni organi, le altre vitamine del complesso B devono essere fornite regolarmente dalla dieta, in quanto non sono immagazzinate e le eccedenze alimentari sono eliminate nelle urine. Le esigenze quotidiane sono diverse per ciascuno di essi vedere la tabella sottostante.

Ad eccezione della vitamina B3 che è prodotta in piccole quantità

L’RDA, o l’indennità alimentare raccomandata, è l’assunzione giornaliera media di nutrienti che soddisfa il fabbisogno nutritivo di tutti gli individui sani in una data età e sesso.

L’IA, o l’assunzione adeguata, è la dose giornaliera media raccomandata in base ai dati di individui apparentemente sani che sembrano mantenere uno stato nutrizionale adeguato. Viene utilizzato quando non vi sono dati scientifici sufficienti da stabilire.

Le principali fonti alimentari di vitamine B sono il lievito di birra (torula), i semi, i cereali integrali, le noci, nonché le frattaglie, le verdure secche o verdi, la frutta e i prodotti lattiero-caseari.

Lieviti di vitamina B1 Brewer, lieviti di torula, legumi (piselli secchi, lenticchie, ecc.)), frutta a guscio, semi e cereali integrali.

Frattaglie di vitamina B2 (fegato di vitello, rene, cuore), noci, verdure verdi, lievito, lievito di birra, germogli di frumento, riso selvatico e funghi.

Lievito di vitamina B3, crusca, arachidi con buccia, riso selvatico, prodotti di frumento intero, mandorle, orzo, legumi. Il triptofano per la sintesi della vitamina B3 da parte dell’organismo si trova nella carne, nel pollame, nel pesce e nel latte.

Lievito di birra vitamina B5, lievito alimentare, fegato di vitello, funghi, soia, arachidi, noci pecan, noci di anacardi, farina d’avena, farina di segale, grano saraceno, semi di girasole, lenticchie, pepe rosso, avocado. Vitamina B6 birra e lieviti alimentari torula, semi di girasole, germogli di frumento, noci, lenticchie, soia, fagioli di Lima, farina di grano saraceno, banane e avocadi.

Vitamina B8 lievito alimentare torula

Prodotti a base di cereali integrali (pane), frutta a guscio, tuorli d’uovo, sardine, cavolfiori, fegato, banane e funghi. Vitamina B9 verdure verdi (soprattutto quelle scure come spinaci, broccoli, asparagi), frutta (arancione), riso, lievito di birra, fegato di manzo, fagioli, soia.

La vitamina B12 si trova solo negli alimenti di origine animale carne, frattaglie di carne, uova, formaggio, pesce e frutti di mare. I vegani devono compensare la loro carenza di vitamina B12 con l’aggiunta di vitamina B.

La carenza di vitamina B è diventata rara nei paesi sviluppati

Una dieta diversificata è di solito sufficiente per soddisfare le esigenze di ogni individuo. Tuttavia, alcuni problemi di salute (ad esempio alcolismo, anoressia, malattia di Crohn) possono richiedere integratori alimentari. Disturbi cardiaci e neurologici di Beriberi.

Ariboflavinosi bruciore e danno agli occhi

Infiammazione della pelle e delle membrane mucose (labbra, bocca, gola. Pellagra formicolio ai piedi e alle mani, perdita di appetito, affaticamento, mal di testa, vertigini, fotosensibilità. Insonnia, crampi alle gambe, formicolio o intorpidimento ai piedi e alle mani, affaticamento, depressione. disturbi digestivi, immunodeficienza.

Irritabilità, depressione, confusione, infiammazione della lingua e degli angoli delle labbra, dermatite seborroica. Perdita di appetito, dermatite, formicolio alle dita, perdita di capelli, depressione, confusione

Diarrea, perdita di appetito, perdita di peso, infiammazione della lingua, mal di testa, palpitazioni cardiache, sbalzi d’umore. Affaticamento, debolezza, mancanza di respiro, nausea, costipazione, flatulenza, dimagrimento, formicolio e intorpidimento degli arti, disturbi dell’umore, difficoltà a camminare.

Ricerca sul complesso della vitamina B

Non ci sono studi sugli effetti della combinazione vitamina B-Complessa di per sé. Tuttavia, vi è un’eccezione per il complesso B6, B9 e B12.

Efficacia prevenzione di malattie cardiovascolari incerte

Negli ultimi anni e nei primi anni, gli studi, principalmente epidemiologici, hanno rivelato un nuovo fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Questa è omocisteina, un aminoacido che circola nel sangue, che è associato ad un aumento del livello.

Proporzionale alla gravità dell ‘ aterosclerosi e con aumentato rischio di malattia coronarica, infarto miocardico o ictus.

La scoperta che le vitamine B6, B9 e B12 interferivano con il metabolismo dell’omocisteina per ridurre la concentrazione plasmatica ha portato a prendere in considerazione il loro uso per prevenire le malattie cardiovascolari.

Gli studi clinici in questo settore hanno prodotto risultati contrastanti.

Sintetizzando questa ricerca, si è concluso che le vitamine B6, B9 e B12, prese in isolamento, non hanno alcuna influenza sul rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, nonostante la diminuzione dell’omocisteina che inducono. Tuttavia, i pareri sono divisi sull’uso combinato.

Per alcuni, non ha un effetto preventivo maggiore di quello delle vitamine isolate; per altri, c’è un effetto che non è significativo ma sufficiente per incoraggiare ulteriori ricerche in questo settore.

È importante notare che le dosi giornaliere di vitamine B6, B9 e B12 utilizzate negli studi di cui sopra sono estremamente variabili. Essi vanno da 0,5 mg a 2,5 mg per la vitamina B9, con dosi di vitamina B6 che vanno da 0 mg a 50 mg e dosi di vitamina B12 che vanno da 0 mg a 1 mg.

Tuttavia, non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra

E il declino della funzione cognitiva. I livelli di omocisteina o vitamine B possono essere semplicemente indicatori di cattiva alimentazione a causa di deficit cognitivo.

Tuttavia, l’uso di integratori di vitamina B6, B9 e B12 è stato considerato per prevenire il declino cognitivo associato all’invecchiamento.

In una meta-analisi basata

In studi clinici, si è concluso che l ‘ assunzione di vitamina B9 con o senza le altre vitamine B6 e B12 non ha avuto alcun effetto preventivo sul declino cognitivo. Gli autori indicano, tuttavia, che ulteriori studi dovrebbero essere effettuati su periodi di trattamento più lunghi.

SHARE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here